‘A Finestra

Testo ‘A Finestra:

Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada

Genti bedda, laria, allegra, mutriusa e siddiata

Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta

“Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un Lemon Zoda!

Iddu ci arrispunni: “Giusi, quannu ti chiamavi Giuseppina, eri licca pà broscia cà granita”

“Turi tu n’ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori t’ha ‘nsignari a classi ‘ntò parrari

Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata,

sduvacata ‘nte panchini di la piazza, stuta e adduma a sigaretta.

Gente ca s’ancontra e dici “ciao” cu na taliata,Genti ca s’allasca, genti ca s’abbrazza e poi si vasa,

Genti ca sa fa stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna, annunca st’autru ‘nvernu non si canta missa!

Genti ca sa fa ‘lliccannu a sadda, ma ci fa truvari a tavula cunsata a cu cumanna.

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari almeno un pocu di chiffari?

“Itavinni a travagghiari” vannia ‘n vecchiu indispettitu, “avemu u picciu arreri o vitru”.

Jù ci dicu “m’ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare.

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa a vuci ‘i Patri Coppola n’antrona i casi, trasi dintra l’ossa.

“Piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni. Quannu u riavulu s’affaccia rafforzatevi a mutanna”.

Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone: scinni Saro Branchia detto Re Leone

Padre Coppola balbetta e ammogghia l’omelia cu tri paroli picchì sua Maestà s’ha fari a comunioni!

Chi ci aviti di taliari, ‘un aviti autru a cui pinsari almeno un pocu di chiffari

“Itavinni un pocu a mari”, vannia un vecchiu tintu “accussì janca mi pariti ‘n spiddu”

Jù ci dicu “m’ha scusari, ma picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà ‘nsultari?”

Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu

Tannu si pinsava ca “La diversità è ricchizza”, tempi di biddizza e di puisia, d’amuri e di saggezza

Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari si truvamu semi boni di chiantari

‘Nta sta terra ‘i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori e dici ca li cosi stannu pì canciari

Chi ci aviti di taliari ‘un aviti autru a cui pinsari, almeno un poco di chiffari? Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari!

Jù ci dicu “Cù piaciri, c’è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari!?”

Traduzione ‘A Finestra:

Gente bella, brutta, allegra, musona ed annoiata.

Sono sempre alla finestra e vedo gente che gironzola per strada.

Gente arricchita con le ciglia alzate e la bocca stretta:

”Salvo, ho voglia di qualcosa, un sorbetto, un Lemonsoda!

Lui risponde “Giusy, quando ti chiamavi Giuseppina eri golosa di brioche con la granita……”

”Salvo, ne hai fatta strada … ma adesso che sei un grande imprenditore…. devi imparare a parlare con classe!

Sono sempre alla finestra e vedo gente che non fa niente,

stravaccata sulle panchine della piazza che fuma una sigaretta dopo l’altra.

Gente che si incontra e si saluta solo con lo sguardo, che si scansa, si evita ma che poi si abbraccia e si bacia.

Gente che stringe la cinghia, che lavora sodo e non si dispera, altrimenti quest’inverno non si canta messa!

Gente che vive di stenti ma che fa trovare la tavola imbandita a chi comanda.

Cosa avete da guardare? Non avete altro a cui pensare o almeno qualcos’altro da fare?

“Andatevene a lavorare” sbraita un vecchio indispettito, “abbiamo il menagramo dietro il vetro”

Io gli dico “mi scusi eh… ma questa è casa mia e sto dove mi pare!”

La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa la voce di Padre Coppola ci introna le case ed entra dentro le ossa.

“Peccatori, rinunciate a quei peccati della carne, quando il diavolo si affaccia rinforzatevi la mutanda.”

Quando accanto alla chiesa parcheggia un macchinone: scende Saro Branchia, detto Re Leone

Padre Coppola balbetta e conclude malamente l’omelia con tre parole perché sua Maestà si deve far la comunione!

Ma che avete da guardare? Non avete altro a cui pensare o almeno un po’ di qualcos’altro da fare?

“Andatevene un po’ a mare” mi urla un vecchio bieco “…così pallida mi sembrate un fantasma!”

io gli dico “mi scusi, ma perché dovete stare sotto casa mia per offendere?”

Sono sempre alla finestra e vedo la grande civiltà che è stata, dove Turchi, Ebrei, e Cristiani si stringevano la mano.

Allora si pensava che la diversità è ricchezza, tempi di bellezza e di poesia, d’amore e di saggezza.

Quel che è stato ieri oggi forse potrebbe ritornare solo se troviamo semi buoni da piantare.

In questa terra di fuoco e mare oggi sento che mi parla il cuore e dice che le cose stanno per cambiare.

Cosa avete da guardare? Non avete altro a cui pensare o altro da fare? Andate a ballare, fate quattro salti e uscite solo per svagare!

Io gli dico “Almeno col piacere, c’è qualche danza estrosa che vossia vorrebbe consigliarmi?”

Guarda il video di ‘A Finestra:

Il video presente รจ visualizzato tramite ricerca di youtube e potrebbe non essere corretto

Ami la musica in Vinile? Trova i dischi in vinile di Carmen Consoli su ritornoalvinile.com

Chiudi Ad